Il ritorno dei barbecue

L'essenziale del bel tempo!

I francesi amano i barbecue

I barbecue, le planche e i forni a legna si infiammano per trasformare i vostri pasti in momenti conviviali di fuoco e fiamme!

Associato alle vacanze, alla convivialità e ai momenti condivisi in buona compagnia, il barbecue è un grande successo nell’esa
andato. L’audacia dei francesi quando si tratta di cucinare significa che c’è un’enorme varietà di ricette tra cui scegliere: carne rossa, salsicce, spiedini di pollo, costolette di agnello, verdure alla griglia, pesce, frutti di mare, spiedini di frutta, patate, ecc. Le salse per barbecue sono molto popolari, così come le marinate a base di erbe e spezie, miele o succo di limone.
I francesi apprezzano anche i sapori internazionali: asiatici, messicani o mediterranei.

Il modo migliore per variare i piaceri!

Lo sapevate ?
Mentre la cottura sul fuoco risale a tempi antichissimi, l’uso del termine “barbecue” può essere fatto risalire agli Arawak, una popolazione indigena dei Caraibi, che usava il barbecue come strumento di cottura.
La parola “barbacoa” si riferisce a una griglia di legno su cui si cucinava la carne. I coloni spagnoli adottarono il termine e lo introdussero in Europa.

La tradizione del barbecue è spesso associata allo stile di vita nomade. Le tribù e le comunità che dipendevano dalla caccia per procurarsi il cibo iniziarono presto a cuocere la carne sul fuoco, portando alla creazione dei primi metodi di cottura alla griglia. La carne veniva cucinata con spiedi, griglie o semplicemente su pietre roventi.
In particolare, questo metodo di cottura consentiva di conservare più a lungo la carne, grigliandola per asciugarla e renderla più facile da trasportare.
Oggi la tradizione del barbecue è ancora legata allo stile di vita nomade in alcune parti del mondo. Ad esempio, nelle regioni pastorali della Mongolia, i nomadi utilizzano un barbecue portatile chiamato “khorkhog”. Si tratta di un grande
Una pentola di metallo in cui si mettono carne, verdure ed erbe e che viene poi cotta su pietre calde. Allo stesso modo, nelle zone rurali dell’America Latina, le comunità nomadi utilizzano ancora il barbecue
tradizionali “parrillas”, spesso realizzate con mattoni e pietre.
Così, anche se gli stili di vita sono cambiati notevolmente nel corso del tempo, la tradizione del barbecue è ancora praticata in tutto il mondo, ricordandoci l’importanza della carne cotta al fuoco nella storia dell’uomo.

Il Kamado è un tipo di forno tradizionale giapponese per la cottura della ceramica. Funziona come un barbecue che utilizza carbone o legna come combustibile, mentre la ceramica funge da isolante per trattenere il calore.

Il Kamado è dotato di un coperchio che consente di controllare la temperatura.
regolando l’apertura per far entrare o uscire l’aria. Ciò consente di cuocere gli alimenti a temperature molto elevate, di grigliare e affumicare perfettamente la carne. Negli ultimi anni, il Kamado ha rapidamente guadagnato popolarità in tutto il mondo, in
per la sua versatilità e la capacità di preparare piatti gustosi e succulenti.

 

Disponibile presso
Hervé Géhin stufe TULIKIVI
Negozio di stufe a legna
10 Rue des Frères Lumière, 68000 Colmar
Telefono: 03 89 29 09 43
Internet: https: //herve-gehin.fr/

Nel 2017, durante il campionato francese di barbecue a Saintes-Maries-de-la-Mer, il team di “Smoke on the Water” è riuscito a cucinare un intero cosciotto di agnello del peso di 38 chili in sole 4 ore e 45 minuti, stabilendo il record del pezzo di carne più grande mai cucinato in una gara di barbecue in Francia.

 

L’anno scorso, l’azienda canadese Dalisa è riuscita a battere il record mondiale per il maggior numero di persone che partecipano contemporaneamente a un barbecue. La sfida, svoltasi nel parco Gerry-Boulet di una città del Quebec, è stata un successo: 914 persone hanno grigliato contemporaneamente 4.000 salsicce su 104 barbecue a carbone, superando il precedente record di 579 partecipanti.

Nous n'avons pas pu confirmer votre inscription.
Votre inscription est confirmée.

Newsletter Food and Good

Non siamo riusciti a confermare la tua iscrizione.
La tua registrazione è confermata.

Newsletter Cibo e Bene